Come è cambiato il mondo degli eventi: fisico, digitale e phygital

Come è cambiato il mondo degli eventi: fisico, digitale e phygital

Come è cambiato il mondo degli eventi: fisico, digitale e phygital

Come è cambiato il mondo degli eventi: fisico, digitale e phygital

Era mercoledì 3 Giugno 2020 quando, al webinar del Club degli eventi e della Live Communication organizzato da ADC Group, si è parlato di come sta evolvendo il mondo degli eventi e come si configura il panorama degli stessi in questa fase storica che stiamo attraversando. Una fase che ci obbliga a ripensare alla stessa ragione d’essere degli eventi e che allo stesso tempo apre nuove opportunità e nuove prospettive in termini di business model.

 

Le aziende o agenzie che operano in generale nel business degli eventi si stanno organizzando per proporre strumenti sempre più innovativi in campo digitale: da soluzioni che trasformano i meeting digitali in una sorta di show televisivi, interattivi e personalizzabili; fino ad arrivare a vere e proprie piattaforme di eventi con regie da remoto, green screen e realtà aumentata per garantire massima qualità.

 

Ma come si è arrivati a questa rivoluzione nel mondo degli eventi?

 

All’inizio del 2020 nessuno poteva immaginare e prevedere il lockdown che il nostro Paese si sarebbe trovato obbligatoriamente ad affrontare per salvaguardare i contagi e la salute di vite umane. Gli eventi fisici in programma erano migliaia ed erano pronti a generare miliardi di euro come ogni anno; tuttavia, alcuni di questi iniziarono ad essere rimandati, altri vennero cancellati e altri ancora cominciarono a reinventarsi e pensare altre strade possibili per far sì che la natura dell’evento ideato potesse in qualche modo continuare ad essere.

Vengono così implementati notevolmente gli eventi digitali e i cosiddetti phygital, laddove possibile, cioè una sorta di tipologia ibrida.

 

eventi_phygital_imagina

Evento “phygital”

Analizziamo la modalità “digital only” ed evidenziamo di seguito alcuni vantaggi dell’evento digitale:

  • Organizzazione: difficilmente ti ritroverai a dover posticipare, rinviare o interrompere un evento, con tutto ciò che comporta sull’intera tabella di marcia.
  • Audience raggiunta: avrai l’opportunità di raggiungere un numero potenzialmente illimitato di persone, proveniente da qualsiasi parte del globo. La rete elimina le distanze fisiche e la reach è molto alta.
  • Esperienza personalizzata: l’evento digitale permette di personalizzare l’esperienza del singolo utente, ad esempio fornendo l’accesso a stanze diverse e spazi di digital networking attivi in contemporanea e dove il singolo può muoversi a sua discrezione.

evento_only_digital_imagina

Evento “digital only”

Dunque, gli eventi fisici tenderanno a scomparire?

Con una certa sicurezza possiamo dire che l’evento live non scomparirà, piuttosto assisteremo ad una sorta di ribilanciamento dove non si potrà prescindere dalla doppia dimensione fino ad ora illustrata e che porterà senz’altro a grandi ed inedite opportunità; ad esempio, l’evento digitale può offrire risonanza all’evento fisico e di contro quest’ultimo può trattare temi più complessi e dispendiosi a livello di tempo. Infatti, sul web i tempi sono molto più ristretti e i contenuti devono essere brevi e coinvolgenti, altrimenti la soglia di attenzione rischia di precipitare prima del previsto.

 

Nella tabella sotto riportata illustriamo sinteticamente i pro e i contro di questi due mondi:

 

  EVENTO

FISICO

EVENTO

DIGITALE

PRO – maggiore empatia, eventi più emozionali

– attenzione alta

– reach elevata

– organizzazione stabile

CONTRO – è seguito solo dai presenti

– più dispendioso

– il networking è più distaccato

– la soglia dell’attenzione è più instabile

 

A questo punto è chiaro che non ci potranno essere esclusioni. Il business model delle agenzie di eventi cambierà e con lui gli strumenti di comunicazione, sempre più ibridi e integrati tenendo però conto delle differenze tra i due ambienti. Da un lato pensare ad un evento fisico e realizzarlo nelle modalità che ben conosciamo per poi trasportarlo nella sua versione digitale (sincrona o asincrona) pensandolo come un evento a sé che non esiste nella realtà e che non può esistere dal vivo: sostanzialmente si tratta di dare due vite ad uno stesso evento.

Di certo l’experience dell’utente deve essere sempre la migliore possibile e al centro di qualsiasi intervento di comunicazione e strategia, ogni messaggio deve essere studiato nel dettaglio in base al canale che si sta utilizzando in quel momento sia esso fisico che digitale.

 

Le grandi crisi portano ad accelerare le trasformazioni già in atto, quindi è fondamentale non rimanere fermi ma #abbracciareilcambiamento. A proposito, hai dato un’occhiata ai nostri canali? Troverai un approfondimento proprio su un evento digital only da noi organizzato.

 

Condividi su:

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp