Local marketing 2020: avere successo anche nel piccolo è possibile.

Local marketing 2020: avere successo anche nel piccolo è possibile.

Local marketing 2020: avere successo anche nel piccolo è possibile.

Local marketing 2020: avere successo anche nel piccolo è possibile.

Pensare globalmente e agire localmente: questa è la prima regola d’oro di una buona azione di local marketing.

Ma di cosa si tratta?

Il local marketing è l’insieme di strategie e strumenti di cui un’azienda ipotetica si avvale per rivolgersi ad un determinato target di clienti in una specifica area geografica più o meno ampia. Un’area molto ristretta viene definita “hyperlocal” mentre si utilizza il termine “local” per indicare una città e le sue zone limitrofe.

Oggi più che mai il local marketing è fondamentale per tutte quelle piccole attività (negozi, ristoranti, pizze al taglio, ecc.) che hanno sofferto nei mesi precedenti a causa della crisi a seguito della pandemia da Covid-19 e che stanno provando a rialzarsi. Il marketing locale è lo strumento di cui non possono assolutamente fare a meno se vogliono essere visibili per il target caratterizzato dalla vicinanza a quell’attività ed ottenere recensioni, valutazioni, insomma interagire con loro, creare nuove sinergie e un collegamento quanto più duraturo possibile tra cliente e azienda. Non dimentichiamo che il local marketing è altresì importante anche per le attività di più grandi dimensioni come integrazione ad una strategia ben definita.

Abbiamo accennato alla relazione con il cliente target; infatti, negli ultimi anni in particolare è emersa con forza la necessità di stringere rapporti a livello locale e fare acquisti dal piccolo negozio vicino la propria abitazione così da poter creare una relazione di fiducia e più umana. I clienti si aspettano sempre più un’esperienza di acquisto completa e continua che non si fermi alla mera e fredda conversione finale.

Quali gli strumenti di cui non puoi fare a meno?

Sicuramente Google My Business, sito web e social network. Operando su questi tre fronti, la tua strategia sarà completa, compatta ed efficace. Google My Business è un servizio gratuito che consente in particolar modo di:

  • Creare ed ottimizzare una scheda ufficiale al lato della SERP
  • Posizionare il tuo brand sulle mappe di Google

 

Proseguendo nella lettura sarà chiaro come sfruttare questi strumenti:

  • Geo localizza le tue immagini su Instagram → per intercettare le persone giuste hai bisogno di una geo localizzazione precisa di ogni foto, in modo tale da collegare l’immagine ad una posizione geografica.Importanti anche gli hashtag che devono essere quanto più precisi e mirati possibili altrimenti perdono la loro utilità.
  • Ricerca micro o nano Influencer → sono Influencer che lavorano su piccoli gruppi e che sono conosciuti in luoghi specifici; il messaggio chiave è: non devo farmi trovare da tutti ma dal target che per me ha rilevanza, che può materialmente finalizzare la conversione! Dunque, non basta rivolgersi agli Influencer più famosi; anzi, può rivelarsi uno spreco di denaro ed energie.
  • Utilizza i video per raggiungere il target → cambi di Outfit con i prodotti disponibili in negozio, customer care service affrontando domande dei clienti, ma anche presentare nuovi servizi e prodotti in vendita e molto altro. Con i contenuti video ci si può davvero sbizzarrire, ma occhio a non tralasciare qualità e professionalità, no all’improvvisazione!
  • Non dimenticare lo storytelling → attraverso la narrazione che metti in atto sul tuo sito, un profilo Instagram o su un blog puoi comunicare dei valori che difficilmente riuscirai a trasmettere con altre tecniche. Lo storytelling lavora sul lungo periodo ma premia decisamente perché sedimenta nella mente del potenziale acquirente una brand identity, una visione chiara della tua attività circondata da determinati valori e qualità.

Infine…

Attenzione alla reputazione online e al passaparola: per le attività che fanno ricorso al local marketing sono fondamentali, tienile sottocchio e intervieni tempestivamente risolvendo il disguido laddove ci sia o cercando quanto più possibile di incontrare le esigenze del cliente.

Crea campagne altamente mirate e che vadano a “colpire” proprio dove serve: utilizza il blog aziendale per intercettare le richieste di informazioni e spiegazioni; ottimizza una pagina FAQ per lavorare sul voice search (ricerche vocali) e al tempo stesso pubblicizza le landing page con Google AdWords.

Ora il local marketing per te non ha più segreti!

Condividi su:

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp